×
menuclose
Esperienze
24/11/2021
La nota rivista tedesca di ciclismo Radtouren ha dato un largo spazio al territorio marchigiano nel- l’ultimo numero di Novembre/Dicembre recentemente pubblicato.L’inserto di nove pagine, con menzione in copertina, ripercorre le principali tappe dell’itinerario ciclistico “L’Appennino e Le Marche”: il percorso di 446 km con ben 11.000 metri di dislivello par- te da Gubbio e arriva a Pesaro. 
9/11/2021
Il viaggio nell’affascinante territorio dei Monti Sibillini continua con il secondo anello di Sibillini Rebirth, un percorso su strada asfaltata della lunghezza di 75 km.L’itinerario, di media difficoltà, è completamente immerso nella natura rigogliosa del Parco Nazionale e attraversa piccoli centri abitati incastonati nel paesaggio montano.
2/11/2021
I tre anelli di Sibillini Rebirth ci accompagnano alla scoperta della catena dei Monti Sibillini, situata nell’Appennino centrale, a cavallo delle province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata. Il massiccio montuoso è costituito prevalentemente da rocce calcaree e la sua cima più alta è il Monte Vettore a 2476 metri di altitudine.Il primo anello si snoda all'interno della provincia di Macerata, ha una lunghezza di 86 km e si sviluppa su strada completamente asfaltata, l’itinerario è di media difficoltà con un dislivello di oltre 1900 metri.
24/10/2021
Comincia la pedalata lungo il terzo e ultimo anello di Macerata Rebirth, la conclusione del nostro bel viaggio nell’entroterra maceratese.Percorrendo il tortuoso itinerario su strada asfaltata, della lunghezza di 109 km, attraverseremo un territorio selvaggio dove la natura domina sovrana.Le montagne ci accompagneranno nella Terra dei Duchi e i nostri occhi saranno catturati dalla vista di laghi e lunghe valli.Siete pronti? Saliamo in sella!
19/10/2021
Il viaggio tra le bellezze maceratesi continua con il secondo anello di Macerata Rebirth, alla scoperta delle tipicità, delle tradizioni e delle leggende locali.L’itinerario bike è di bassa difficoltà con dislivello di 931 metri e lunghezza totale di 68 km su fondo interamente asfaltato. Un meraviglioso percorso che si sviluppa tra dolci colline ricche di colture, alternate a cittadine che conservano la memoria storica del territorio.
28/9/2021
Partiamo per un viaggio nella bellezza del territorio maceratese, percorrendo il primo anello della triade di Macerata Rebirth.L'itinerario si snoda su strade interamente asfaltate e a bassa percorrenza, ha una lunghezza di 44 km e il modesto dislivello lo rende un sentiero di media difficoltà. Pedalando dai paesaggi della costa adriatica verso l'entroterra collinare, incontrerete meravigliose abbazie e conoscerete le antiche tradizioni paesane, scoprendo l'artigianato locale famoso nel mondo.
12/8/2021
Il terzo anello di Fermo Rebirth è un viaggio di 87 km su asfalto che si sviluppa ai piedi dei Monti Sibillini, inoltrandosi nella natura incontaminata del Parco Nazionale.Prepariamo la bici da strada per questo percorso di elevata difficoltà e andiamo a scoprire i panorami più interni del territorio fermano, circondati da un rilassante silenzio e meravigliandoci di fronte a borghi ricchi di arte e storia.
7/8/2021
Continua la scoperta del territorio fermano con il secondo anello di Fermo Rebirth, lasciamo le colline per addentrarci nelle zone montuose dell’entroterra marchigiano. È un percorso ad alta difficoltà di 75 km con fondo asfaltato, attraversa le montagne e conduce in luoghi inesplorati dove regna il silenzio e il tempo sembra essere fermo.È un viaggio nella natura, nelle tradizioni e nella storia, circondati da un paesaggio mozzafiato con vista dal Mare Adriatico ai Monti Sibillini.
4/8/2021
Il GADA è un tour alla scoperta del comune di Arquata del Tronto e delle sue frazioni, in provincia di Ascoli Piceno.L’anello di 50 km, suddiviso in 4 tappe, ha fondo per lo più sterrato con un piccolo tratto su asfalto.La posizione di Arquata, impervia ma bellissima, è unica e le vale il primato europeo dato che sorge tra due Parchi Nazionali: il Parco Nazionale dei Monti Sibillini a nord e il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga a sud.La natura dei luoghi è rigogliosa, ricca di boschi di querce, abeti e faggi, inoltre l’altitudine permette la crescita spontanea di molte erbe mediche come la genziana, la valeriana e la belladonna. L’aria salubre e fresca e la bellezza dei paesaggi da secoli la rendono una meta perfetta per le vacanze estive; d’inverno diventa una caratteristica realtà montana con località sciistiche, le note Forca di Presta e Forca Canapine.Foto Archivio Arquata PotestCittà dalle origini antichissime, sembra sia stata fondata dai Sabini e il suo nome rivelerebbe la sua antica funzione: il termine Arquata deriva da “arx”, ossia rocca, luogo fortificato.Colpita violentemente dal sisma del 2016, è stata gravemente danneggiata e il centro abitato è chiuso al transito. Nonostante ciò è rimasta intatta la genuinità appenninica di questi luoghi e i paesaggi che da qui si possono ammirare sono di una bellezza mozzafiato.La forza della montagna scorre dentro le vene delle persone che la abitano, infatti in alcuni paesini sono presenti attività come trattorie e negozi di generi alimentari, ristoranti, bar, farmacie e B&B in cui gli avventori vengono accolti con grandi sorrisi.La determinazione si esprime anche attraverso un gruppo di volontari che sta attivamente riportando alla luce ciò che il sisma ha provato a oscurare, l’associazione Arquata Potest. Il loro sito presenta in dettaglio le informazioni sulle possibilità che offre il GADA e racconta la storia di chi non ha mai smesso di credere in questa terra, neanche quando ha tremato.
31/7/2021
Partiamo alla scoperta del territorio fermano con il primo anello di Fermo Rebirth.L’itinerario di 92 km si sviluppa su strade secondarie a bassa percorrenza dal fondo interamente asfaltato e si colloca tra i percorsi a difficoltà moderata.Pedalando dalla costa verso l’interno si attraversano innumerevoli borghi che affondano le radici in tempi antichi, accompagnati dalle dolci linee delle colline marchigiane.